La carità della preghiera

Rosario Quaresima 2019

La Quaresima ci invita a pregare, a “mendicare” da Dio la grazia di cui personalmente abbiamo bisogno e ad unirci in questa domanda a tutti i nostri fratelli. Hai un desiderio che ti sta particolarmente a cuore e vuoi condividerlo?

Invia la tua richiesta di preghiera specificando il nome di battesimo delle persone e il motivo per cui richiedi la preghiera (ad es. guarigione, conversione, unione familiare, lavoro…).

Richiesta di preghiera

Le vostre richieste saranno presentate al Signore dagli anziani che risiedono nelle case di accoglienza (di Bitti, Nuoro, Orani, Orotelli, Siniscola) durante la celebrazione Eucaristica e la preghiera del rosario, dagli ammalati che sono nelle nostre case, dai gruppi di preghiera e ogni martedì durante l’adorazione Eucaristica nella Cappella della Caritas.

Scrivi la tua richiesta di preghiera o una breve testimonianza direttamente nel modulo di contatto in basso o invia una mail all’indirizzo esseredono@gmail.com, sarà garantito l’anonimato. Non rimarrà traccia del messaggio su questo sito una volta inviato il testo.

La email (richiesto)

Il tuo messaggio

***

Non dimenticate che tra le risorse preziose che avete c’è quella essenziale della preghiera: diventate intercessori presso Dio, pregando con fede e con costanza. Pregate per la Chiesa, anche per me, per i bisogni del mondo, per i poveri, perché nel mondo non ci sia più violenza. La preghiera degli anziani può proteggere il mondo, aiutandolo forse in modo più incisivo che l’affannarsi di tanti.
Vorrei affidare oggi alla vostra preghiera il bene della Chiesa e la pace nel mondo. Il Papa vi ama e conta su tutti voi! Sentitevi amati da Dio e sappiate portare in questa nostra società, spesso così individualista ed efficientista, un raggio dell’amore di Dio. E Dio sarà sempre con voi e con quanti vi sostengono con il loro affetto e con il loro aiuto. (Benedetto XVI 13 novembre 2012)

La vecchiaia, in modo particolare, è un tempo di grazia, nel quale il Signore ci rinnova la sua chiamata: ci chiama a custodire e trasmettere la fede, ci chiama a pregare, specialmente a intercedere; ci chiama ad essere vicino a chi ha bisogno… Gli anziani, i nonni hanno una capacità di capire le situazioni più difficili: una grande capacità! E quando pregano per queste situazioni, la loro preghiera è forte, è potente! Ai nonni, che hanno ricevuto la benedizione di vedere i figli dei figli (cfr Sal 128,6), è affidato un compito grande: trasmettere l’esperienza della vita, la storia di una famiglia, di una comunità, di un popolo; condividere con semplicità una saggezza, e la stessa fede: l’eredità più preziosa! Beate quelle famiglie che hanno i nonni vicini! Il nonno è padre due volte e la nonna è madre due volte. (Papa Francesco 29 settembre 2014)

Gli anziani sono una «cattedra» a cui non possiamo rinunciare (Papa Francesco)

Pubblicato in: Aggiornamenti

Argomenti: Caritas diocesana La carità della preghiera Quaresima 2019

Publicato il: 08-03-2019